Il Museo degli Uffizi in espansione grazie alla donazione, parte della collezione di Carlo Del Bravo.

La Galleria degli Uffizi di Firenze, tra i più grandi e visitati musei del mondo, si amplia grazie al sostanzioso lascito, composto da 455 opere, donate dalla collezione di Carlo del Bravo scomparso nel 2017. Donazione che è avvenuta, a tre anni dalla scomparsa, grazie a Lorenzo Gnocchi, suo allievo ed erede universale; anch’egli, come Del Bravo,  professore all’ateneo fiorentino. La donazione comprende i dipinti, le sculture e i disegni ...

Read More

Jason Bard Yarmosky, l’artista dei nonni, tra età, caducità della vita, convivenza nella diversità e affetti famigliari.

Jason Bard Yarmosky, artista newyorkese classe 1987 si è laureato alla School of Visual Arts in New York City, ottenendo fra i riconoscimenti l’Elizabeth Greenshields Award. Mentre le sue ultime opere della serie "Somewhere”, si concentrano sull’esplorazione del subconscio e dei sogni, resi attraverso la manipolazione delle trame della carta (che rimanda alla pelle invecchiata), per quasi un decennio le sue opere si sono incentrate sulla figura delle persone anziane, ...

Read More

Agosto: tempo di nuovi residenti alla Fountainhead Residency.

Benvenuti ai nuovi residenti della Fountainhead Residency: Katrina Coombs (da St. Andrew, Giamaica), Sherrill Roland (da Raleigh, NC) e Jackson McGrath (da New York). È sempre emozionante condividere il pensiero e le modalità di lavoro dei nuovi ospiti della Fountainhead Residency con Kathryn e Dan Mikesell, da molti anni oramai impegnati in prima persona per promuovere l’arte ed divulgarla. Fra gli inquilini del mese di Agosto per la prima volta in assoluto ...

Read More

All’insegna del bianco e nero: La Directed Art Modern gallery (D.A.M.) di Miami inaugura Μονόχρωμος (Monokhromos).

The Directed Art Modern (D.A.M) ha presentato Μονόχρωμος (Monokhromos) l’esposizione collettiva di B.L. Jesseph, Rob Anderson e Franck de las Mercedes. Il titolo monokhromos si riferisce al fatto che per dare risalto ai messaggi universali contenuti nelle loro opere gli artisti hanno scelto di realizzare opere in bianco, nero (e loro sfumature) senza l’utilizzo di altri colori che avrebbero inevitabilmente denaturato l’elemento principe dei lavori: il messaggio. Il risultato che ne deriva ...

Read More

Smog-One tra B-Boy, etichettatura in 3D e Crew: quando l’arte si fa strada.

Smog-One. Il suo nome rimanda all’immagine della nebbiolina densa che si intravede al calar del sole nelle banlieu parigine. Quando la gente va a letto e i graffiti artists - in molti luoghi ancora clandestini - scendono per le strade ad “imbrattare i muri”, come si diceva un tempo quando la graffiti art era considerata esclusivamente espressione di rivolta contro il sistema.  Completamente denaturata dalla valenza artistica che ha assunto nel ...

Read More

Benvenuto luglio e benvenuti i nuovi ospiti della Fountainhead Residency: Lily Martina Lee e Marie Lorenz che si aggiungono a Coady Brown e Pat Phillips.

Benvenuti ai due nuovi ospiti della Fountainhead Residency, Marie Lorenz -New York- e Lily Martina Lee -Boise, Idaho- che condivideranno la casa con Coady Brown e Pat Phillips, al loro secondo mese di residenza.  Alle pareti della residenza, oltre ai dipinti ricchi di colore, forme e texture di Coady Brown e alla Street Art di Pat Philllips si andranno ad aggiungere le esplorazioni psico-geografiche di Marie Lorenz e il ritratto contemporaneo ...

Read More

I personaggi di David Rohn fra letteratura ed empatia.

Se nell’arte arcaica l’espressione del viso oscillava tra palese severità e distaccato sorriso, per David Rohn rappresenta l’essenza creativa con la quale interpretare ruoli sociali densi di empatia. Nato in New Jersey da una grande famiglia cattolica David Rohn ha ereditato la passione per l’arte dallo zio, che, malato di poliomielite all’età di 20 anni, ha investito gli anni rimanenti e i soldi nelle arti, consapevole del fatto che sarebbe morto giovane. Una ...

Read More

Didier William, Marc Thomas Gibson, Pat Phillips and Coady Brown, ospiti della Fountainhead Residency nel mese di giugno: tra identità nera e sua rivoluzione concettuale, textures e Street Art.

Hanno davvero lavorato sodo gli artisti ospiti della Fountainhead Residency nel mese di giugno: Didier William, Marc Thomas Gibson, Pat Phillips e Coady Brown. Pat Phillips e Coady Brown, che fanno coppia nella vita, a differenza dei coinquilini, termineranno  il loro periodo di  residenza a fine luglio. Didier William, originario di Port au Prince, ha conseguito il suo BFA in pittura al Maryland Institute College of Art nel 2007 e il ...

Read More

Terre Rybovich: il potere dell’imprinting attraverso la multi-traccia del suo corpo.

Ci sono modi differenti nei quali declinare l’arte, quello di Terre Rybovich è indubbiamente uno  di quelli più autentici perchè si compone di una gamma multi-traccia di movimenti del corpo. Il suo corpo.  Per Terre Rybovich, di West Palm Beach, la passione e la creatività sono del resto caratteristiche che scorrono nell’imprinting genetico di famiglia: il famoso Tommy Rybovich, il papà, è stato l'uomo che negli anni ’40 ha creato la ...

Read More

La cultura kosher underground di Steve Marcus al Jewish Museum di Miami Beach: fra tradizione e rottura degli schemi.

Artista, outsider e ribelle raffinato Steve Marcus, artista del Lower East Side di New York, ha interpretato per il Jewish Museum of Florida di Miami Beach, il folklore underground in versione kosher con le illustrazioni di Through the Hat: l’opera del celebre novellista Norman Mailer, composta nel 1964.  Steve Marcus bazzica frequentemente a Miami, città nella quale lavora promuovendo la sua arte. L’esposizione, eccezionalmente prorogata fino a settembre 2019, mette in ...

Read More